A tutti i Parrocchiani e amici

Dallo SPEZZARE il PANE alla PORTA e VOCE

Lettera 11 – 3 Maggio 2020

In questi giorni di passaggio e cosi combattuti anche dal punto di vista Ecclesiale abbiamo ancora più necessità di elevarci: la stanchezza e l’uggiosità vanno sostituite con un IO ripieno di ALTRO. L’essere chiamati e conosciuti per nome, il nostro nome ci riempie sempre di Amore. La soglia da varcare è possibile non irraggiungibile.

“Il passaggio dalla porta che è l’«Io sono» di Cristo fa fiorire Cristo nell’anima e fa ascendere l’anima, la personalità di ognuno, nel suo Io vero, che è Cristo, «non io vivo, ma Cristo vive», Cristo che è il vero Io di ognuno di noi, è il vero Io di tutti gli Io” (Vannucci, qui il commento al Vangelo di domenica 3 maggio 2020).

Aggiungo questo conosciuto “sogno” con l’invito personale a dare un nome, volto, luogo, giorno a quelle orme: è il “compito a casa” non telematico dei prossimi giorni. Credo che se ci metteremo solitari nel nostro angolo della Bellezza Casalingo, forse anche nel silenzio della notte, a identificare quelle orme… ci accorgeremo che non è più un sogno ma Presenza…

Questa notte ho fatto un sogno,
ho sognato che ho camminato sulla sabbia
accompagnato dal Signore, e sullo schermo della notte
erano proiettati tutti i giorni della mia vita.

Ho guardato indietro e ho visto che
ad ogni giorno della mia vita, proiettati nel film,
apparivano orme sulla sabbia: una mia e una del
Signore. Così sono andato avanti, finché tutti i giorni
si esaurirono.

Allora mi fermai guardando indietro, 
notando che in certi posti c’era solo un’orma…
Questi posti coincidevano con i giorni più difficili
della mia vita; i giorni di maggiore angustia, di
maggiore paura e di maggiore dolore…

Ho domandato allora:
“Signore, Tu avevi detto che saresti stato con me
in tutti i giorni della mia vita, ed io ho accettato di
vivere con te, ma perché mi hai lasciato solo proprio
nei momenti peggiori della mia vita?”

Ed il Signore rispose:
“Figlio mio, Io ti amo e ti dissi che sarei stato con te
durante tutta la camminata e che non ti avrei mai
lasciato solo neppure per un attimo, e non ti ho
lasciato …

…..i giorni in cui tu hai visto solo un’orma sulla sabbia
sono stati i giorni in cui ti ho portato in braccio”.

Ancora a tutti un abbraccio forte forte forte

don Marco

 

Alcune info utili:

  • In Parrocchia ancora non abbiamo attività. La possibilità di celebrare le Esequie (unica Celebrazione Comunitaria) è possibile alle condizioni previste dal Ministero dell’Interno.
  • Dal 1 di Maggio chi entra nei locali Parrocchiali deve avere bocca e naso protetti e mani san(t) Da parte nostra vi accoglieremo con le stesse modalità (saremo liberi solo nei nostri locali al I e II piano).
  • Continuiamo (Lorenzo, Joris, Marco) il nostro servizio alla mensa distribuendo 40 porzioni giornaliere a pranzo e la distribuzioni (con i volontari del tè) dei pacchi alimentari a 26 famiglie – 70 persone – segnalate dal Quartiere
  • Scelgo ancora i testi di Vannucci: non facili ma sicuramente Di seguito sempre i testi delle Letture della Domenica.
  • Qualcuno mi chiede: le foto sono sempre non copiate da altri…