A tutti i Parrocchiani e amici

Lettera 24

2 Maggio 2021

La Redenzione operata da Cristo ci affranca da ogni forma di schiavitù, di gregarismo. Redenzione significa assunzione cosciente delle nostre responsabilità di figli di Dio, identificazione di noi stessi nello sconfinato amore di Cristo, capacità d’intendere e di volere propria di uomini consapevoli dell’elemento divino che in loro opera: la linfa della Vite-Cristo

Colui che sente salire nelle proprie vene la linfa della Vite-Cristo sente risvegliarsi nel suo profondo la divina scintilla, la sente sostanzialmente reale e vuole, con tutto il cuore, redimerla, riscattarla, aiutarla a raggiungere la statura dell’Uomo-Figlio di Dio, non nato da volontà di carne o di uomo ma da Dio.
Forse per essere redenti bisogna rendersi conto che si è schiavi finché rimaniamo separati dalla Vite-Cristo
Vannucci