IL VERBO ENTRA NELLA CITTÀ DELL’UOMO

Giovanni Vannucci 

La Croce, sulla quale verrà appeso il Figlio di Dio e dell’Uomo, viene lentamente innalzata. Su di essa, anche l’iniziato al mistero del patire e del risorgere di Cristo deve essere crocifisso.

La Croce, nella sua realtà materiale, è il patibolo conosciuto, usato dai popoli dell’antichità romana. Nel suo significato ultimo, è il punto d’incontro tra il cielo e la terra e della loro unione armoniosa in Cristo. Nel suo senso storico, è il segno d’abolizione tracciato su tutte le istituzioni sociali che, insensibili alla Parola Creatrice di Dio, cercano di circoscrivere l’eternità al tempo; l’ascesa continua dell’Essere, alla stasi di una determinata forma di civiltà; il rinnovarsi incessante del creato, a una forma immutabile. Il compito di ogni società, religiosa o civile, è di condurre l’uomo singolo, ordinatamente, alla sua maturità cosciente. Per non venire meno alla sua missione, la società, religiosa o civile, dovrebbe trarre continuo alimento dalla Parola Creatrice di Dio; Parola che viene comunicata dall’illuminazione dei Profeti e dei Santi che additano i tempi di Dio.

Una società aperta alle albe di Dio non è insensibile all’annuncio di visioni più vaste e più profondamente umane; consapevole che l’uomo è chiamato a esser Figlio di Dio, non si chiude nella venerazione di un ordine acquisito o di un’obbedienza assoluta a una casta politica o sacerdotale.

L’iniziando al mistero cristiano riceve, nella domenica delle Palme, la conoscenza che Gesù è oltre tutte le limitazioni che nascono dalla natura inferiore dell’uomo, assetata di potere; oltre tutte le costruzioni che sorgono da essa. Apprende anche che Gesù abolisce tali costruzioni non con clamorose proteste, ma amandole fino a essere annientato da esse, per trasmutarle dall’interno.

Gesù ha superato la tentazione del potere; la società civile e religiosa, del suo tempo e di ogni tempo distaccato da Cristo, ha ceduto alla suggestione del potere.

L’incontro di questa società con Cristo, il non-Violento, il Capo rivestito di tutta l’Autorità e privo del potere, non poteva avere altro risultato che l’innalzamento della Croce.

La domenica delle Palme è l’irruzione pacifica della Gerusalemme celeste, il centro della Pace e della Comunione, nella Gerusalemme terrena, violenta e ribelle.

Il popolo accoglie il Re mansueto con gioia, sventola vessilli nati dalla madre terra: rami di ulivo e di palma.

In questa domenica il potere, la fiducia nel potere dell’uomo devono cadere dal cuore dell’iniziato che, prendendo i vessilli della pace e della luce – l’ulivo -, del cibo immortale – la palma – , preparati dalla terra senza l’intervento dell’uomo, accoglie il Re pacifico, il vincitore della tentazione del potere, come l’unica e la vera Autorità che lo condurrà nella luce della città di Dio.